Amsterdam congress
Tumori testa-collo
XVII Congresso Nazionale SIRN

Carenza di sonno e uso di farmaci ipnotici da parte degli astronauti prima, durante e dopo il volo spaziale


La privazione del sonno e la stanchezza sono lamentele soggettive comuni tra gli astronauti.
Precedenti studi sul sonno e sul consumo di farmaci ipnotici nello spazio si sono limitati a dati soggettivi da indagini post-volo o da dati oggettivi in volo raccolti da un piccolo numero di membri dell'equipaggio.
Sono stati caratterizzati modelli rappresentativi di sonno degli astronauti in missioni di volo spaziale di breve durata e di lunga durata.

Per questo studio osservazionale sono stati reclutati membri dell'equipaggio assegnati ai voli navetta dello Space Shuttle con esperimenti in volo tra il 2001 e il 2011, o assegnati alle spedizioni nella Stazione Spaziale Internazionale ( ISS ) tra il 2006 e il 2011.
Sono stati valutati i tempi di sonno-veglia oggettivamente mediante actigrafia al polso, e le caratteristiche soggettive del sonno e l’uso di farmaci ipnotici mediante diari, in volo e durante gli intervalli sulla Terra di raccolta dei dati: per 2 settimane circa 3 mesi prima del lancio, per 11 giorni prima del lancio fino al giorno del lancio, e per 7 giorni al ritorno sulla Terra.

Sono stati raccolti dati da 64 astronauti in missioni spaziali Shuttle 80 ( 26 voli, 1.063 giorni in volo ) e 21 astronauti in 13 missioni ISS ( 3.248 giorni in volo ), con i dati sulla Terra di tutti gli astronauti ( 4.014 giorni ).

I membri dell'equipaggio hanno tentato di ottenere e hanno ottenuto molto meno sonno per notte, come stimato dalla actigrafia, durante le missioni dello Space Shuttle ( 7.35 ore di tentativi, 5.96 ore ottenute ), negli 11 giorni prima del volo spaziale ( 7.35 ore e 6.04 ore ) e circa 3 mesi prima del volo spaziale ( 7.40 ore e 6.29 ore ) rispetto alla prima settimana post-missione ( 8.01 ore e 6.74 ore; P minore di 0.0001 per entrambe le misure ).

I membri dell'equipaggio in missione ISS hanno ottenuto molto meno sonno durante i voli spaziali ( 6.09 ore ), negli 11 giorni prima del volo spaziale ( 5.86 ore ) e durante l'intervallo di 2 settimane in programma 3 mesi prima del volo spaziale ( 6.41 ore ) rispetto alla prima settimana post-missione ( 6.95 ore; P minore di 0.0001 ).

61 dei 78 membri dell'equipaggio delle missioni Shuttle ( 78% ) hanno riferito di aver assunto una dose di farmaco per favorire il sonno durante 500 notti su 963 ( 52% ); 12 membri dell'equipaggio della ISS su 16 ( 75% ) hanno riportato l'uso di farmaci per favorire il sonno.

La carenza di sonno negli astronauti è stata diffusa non solo durante le missioni Space Shuttle e ISS, ma anche per tutto l’intervallo di tempo di 3 mesi di formazione pre-volo.
Nonostante la riduzione cronica del sonno, l’uso di farmaci per la promozione del sonno è stato comune durante i voli spaziali.
Poiché la perdita di sonno cronica porta a cali nelle prestazioni, i risultati sottolineano la necessità di sviluppare contromisure efficaci per promuovere il sonno. ( Xagena2014 )

Barger LK et al, Lancet 2014;13:904-912

Neuro2014 Farma2014


Indietro