XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN

Le vampate di calore in forma grave sono associate ad insonnia cronica


Per il fatto che le vampate di calore possono presentarsi durante la notte, la loro manifestazione è frequentemente associata ad insonnia nelle donne con sintomi di menopausa.

Tuttavia, molti altri fattori oltre alle vampate di calore o alla menopausa possono essere responsabili dell’insonnia e diversi fattori associati all’insonnia nella popolazione generale sono anche comunemente osservati nelle donne in perimenopausa e postmenopausa che presentano vampate di calore.

Un campione di 3.243 soggetti di età maggiore o uguale a 18 anni, scelto casualmente e rappresentativo della popolazione della California, è stato intervistato per via telefonica.

In questo gruppo erano comprese 982 donne di età compresa tra 35 e 65 anni.
Le donne sono state suddivise in 3 gruppi sulla base dello stato menopausale: premenopausa ( 57.2% ), perimenopausa ( 22.3% ) e postmenopausa ( 20.5% ).

La prevalenza delle vampate di calore è risultata essere del 12.5% nelle donne in premenopausa, 70% delle donne in perimenopausa e 50.7% nelle donne in postmenopausa ( p < 0.001 ).

La prevalenza di insonnia cronica è stata del 36.5% nelle donne in premenopausa, 56.6% nelle donne in perimenopausa e nel 50.7% nelle donne in postmenopausa ( p < 0.001 ).

La prevalenza dei sintomi di insonnia cronica è aumenta in relazione alla gravità delle vampate di calore, raggiungendo più dell’80% nelle donne in perimenopausa e postmenopausa, con forme gravi di vampate di calore.

All’analisi multivariata, le vampate di calore in forma grave erano associate in modo significativo ai sintomi dell’insonnia e alla diagnosi di insonnia cronica.
Altri fattori associati all’insonnia cronica erano: stato di salute non buono, dolore cronico, apnea notturna.

Dallo studio è emerso che le vampate di calore sono fortemente associate ad insonnia cronica nelle donne di mezza età.
Il trattamento delle vampate di calore potrebbe migliorare la qualità del sonno. ( Xagena2006 )

Ohayon MM, Arch Intern Med 2006; 66: 1262-1268


Neuro2006 Gyne2006


Indietro