Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia cognitivo-comportamentale e Armodafinil per insonnia dopo trattamento del cancro


L'insonnia è una conseguenza stressante e spesso persistente del cancro. Anche se la terapia cognitivo-comportamentale per l'insonnia ( CBT-I ) è il trattamento di scelta nella popolazione generale, l'uso di CBT-I in pazienti affetti da tumore è complicato, perché può provocare aumenti transitori ma sostanziali di sonnolenza diurna.
Si è valutato se la terapia cognitivo-comportamentale, in combinazione con l'agente di promozione della veglia Armodafinil ( Nuvigil ), si traduca in risultati di trattamento dell’insonnia migliori in pazienti sopravvissuti al cancro rispetto alla sola terapia cognitivo-comportamentale.

In uno studio randomizzato di 96 pazienti sopravvissuti al cancro ( età media, 56 anni, sesso femminile, 87.5%, cancro al seno, 68% ), l'analisi primaria ha esaminato se una o più delle condizioni di intervento di 7 settimane ( cioè terapia cognitivo-comportamentale, A, o entrambi ), confrontata con un gruppo che ha assunto capsule di placebo, abbia prodotto significativamente maggiori vantaggi clinici.

L’insonnia è stata valutata mediante la scala Insomnia Severity Index e la qualità del sonno mediante la scala Pittsburgh Sleep Quality Inventory.
Tutti i pazienti hanno ricevuto istruzioni sull’igiene del sonno.

Le analisi che hanno controllato per le differenze di base hanno dimostrato che sia il gruppo terapia cognitivo-comportamentale più Armodafinil ( P=0.001 ) che il gruppo terapia cognitivo-comportamentale più placebo ( P=0.010 ) hanno avuto una riduzione significativamente maggiore nella gravità dell’insonnia post-intervento rispetto al gruppo placebo, con una dimensione di effetto di 1.31 e 1.02, rispettivamente.

Miglioramenti simili sono stati osservati per la qualità del sonno.

Le plusvalenze su entrambe le misure si sono mantenute per 3 mesi.

La terapia cognitivo-comportamentale più Armodafinil non è risultata significativamente differente dalla terapia cognitivo-comportamentale più placebo ( P=0.421 ), e Armodafinil da sola non è stato significativamente diverso dal solo placebo ( P=0.584 ).

In conclusione, la terapia cognitivo-comportamentale ha portato a miglioramenti significativi e duraturi nell’insonnia e nella qualità del sonno.
Armodafinil non ha migliorato in modo significativo l'efficacia della terapia cognitivo-comportamentale nè ha indipendentemente influito sull’insonnia o sulla qualità del sonno. ( Xagena2015 )

Roscoe JA et al, J Clin Oncol 2015;33:165-171

Neuro2015 Onco2015 Farma2015


Indietro