Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento dei disturbi del sonno negli anziani


Il trattamento delle malattie collegate al sonno nei pazienti anziani deve tener conto dei cambiamenti fisiologici associati all’età.
L’insonnia è comune tra gli anziani.

Le benzodiazepine, sebbene potenzialmente efficaci, devono essere impiegate con attenzione e a dosaggi conservativi.
L’uso delle benzodiazepine è limitato dalla possibile insorgenza di sedazione nel corso della giornata.
I più nuovi farmaci non-benzodiazepinici appaiono promettenti.

Il disturbo di comportamento del sonno REM può essere trattato con Clonazepam ( Rivotril ), LevoDopa associata a CarbiDopa ( Sinemet ) ocon i più nuovi farmaci dopaminergici come Pramipexolo ( Mirapexin ).

L’igiene del sonno è importante per i pazienti con narcolessia. L’eccessiva sonnolenza diurna può essere trattata con stimolanti centrali; la cataplessia può essere migliorata con un antidepressivo.

La sindrome delle gambe senza riposo e il disturbo da movimento periodico delle gambe possono essere trattati con benzodiazepine o farmaci dopaminergici come l’associazione LevoDopa e CarbiDopa, e più recentemente dai più nuovi agonisti della dopamina.

Il trattamento dell’apnea ostruttiva notturna comprende la riduzione del peso corporeo e un corretto posizionamento durante il sonno ( su un fianco ), ma nella maggior parte dei casi il miglior rimedio è rappresentato dalla pressione positiva continua delle vie aeree ( CPAP ).
Il CPAP è molto efficace nel ridurre la fatigue diurna e le sequele dell’apnea ostruttiva durante il sonno. ( Xagena2007 )

Wolkove N et al, CAMJ 2007; 176: 1449-1454


Farma2007 Neuro2007


Indietro